Chi l’avrebbe detto

La vita mi è sembrata un panorama
Che passava dietro i finestrini della macchina

Quando ero piccolo segnavo i punti della parigina
O del quarantotto con le carte, nel retro di una stanza di quel bar
Le storie di quei ladri di polli mi sembravano fiabe
Poi ognuno è andato per la sua strada

Una volta guidando per la statale
Mi è venuta voglia di passare di là
Sarà stata l’ora tarda o la nostalgia
Certe cose valle a capire

Il vecchio locale era chiuso
Le mazze scomparse e l’unica cosa verde era l’insegna
Ci hanno messo un negozio di quelli che adesso si aprono in franchising
Una catena
Tutta la nostra vita finita come le voci
Dentro quelle borse vuote.
Anonime e in cerca d’acquirenti.

c.v.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in diario, poesia, scritte sui muri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...