cicatrice

Cicatrice

Vorrei ferirti e subito dopo ricucirmi
Perché avrei troppa paura di vivere
Trascinato in fondo al pozzo
E sentire così uguali
La primavera e il dolore
Disperata e libero
In questo giorno che mi scivola addosso
apparente

c.v.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lettere, poesia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a cicatrice

  1. shivering ha detto:

    la gente comune ha spesso paura del vivere. anche io ne ho avuta, perlopiù quando mi sono ritrovata completamente sola tempo fa.

  2. francesca ha detto:

    Che desiderio condiviso spesso questo della cicatrice, della ferita e della ricucitura, e anche del dolore. Condiviso spesso, mai espresso così, in modo da perforare. Bellissimo incanto.

  3. francesca ha detto:

    Incanto di strazio ma incanto comunque, incanto

  4. natàlia castaldi ha detto:

    una delle mie preferite, anche se con te è difficile avere delle preferenze, ognuna ha il suo fascino trascinante che ti immerge in un mondo di pensieri liberi di vagare tra passato e presente.
    la grandezza della oesia sta nel parlare di sé parlando di tutti, come fai tu.
    a presto.
    n.c.

  5. carmine vitale ha detto:

    grazie francesca l’incanto è “saperti”qui a leggere queste piccole parole
    c.

  6. carmine vitale ha detto:

    @natalia che te lo dico a fare?
    c,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...